post-title CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: Febbraio 04

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: Febbraio 04

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: Febbraio 04

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: Febbraio 04

Da venerdì 12 febbraio siamo nell’anno del Bufalo, gli amici cinesi festeggieranno alla grande fino al 26 febbraio (Festa delle lanterne) e la biblioteca vuol partecipare con delle proposte di lettura per conoscere meglio la Cina, un paese che racchiude un patrimonio culturale antichissimo, bellezze naturali mozzafiato e grandi metropoli.

Iniziamo con un reportage, un diario di viaggio, l’appassionante romanzo di un’avventura umana, “La porta proibita” di Tiziano Terzani.

«La porta proibita racconta della Cina tanto amata, vista nei più segreti cunicoli della sua antica bellezza.» – Corriere della Sera (Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

Niente sfugge allo sguardo del Rampini, è così sicuro da comprendere quanto è accaduto e accade non solo in Cina e in India ma anche nei paesi vicini, da ricavare una storia completa, totale di questi luoghi, farne un documento, un testo dal quale non si può prescindere. “L’impero di Cindia” è un saggio di storia, di una storia che non si limita ad esporre degli avvenimenti poichè li sente, partecipa con essi, non è solo realtà ma anche vita.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

“Le figlie perdute della Cina” di Xinran: straziante cronaca del fenomeno tristemente famoso in Cina fino a pochi anni fa. L’autrice riporta i suoi incontri con donne e madri costrette a “sistemare” le bambine appena nate per colpa della legge del figlio unico. In un Paese dove avere un figlio maschio significava più assegnazione di terreni coltivabili e giusto proseguimento della famiglia, non c’era spazio per le piccole neonate e Xinran racconta come queste venivano trattate, ma anche e soprattutto come vivevano le madri dopo averle perse.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

E per approfondire … “I dialoghi” di Confucio

Una raccolta di pensieri e di frammenti di dialoghi del pensatore e filosofo cinese Confucio e dei suoi discepoli.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

Zhang Xianliang è nato in Cina nel 1936. E’ stato internato in un laogai (più propriamente detto “campo di rieducazione attraverso il lavoro”) dal 1959 al 1979, quando è stato considerato “riabilitato”.

Nel campo Zhang ha tenuto un diario, che a distanza di 30 anni ha rielaborato e dato alle stampe con il titolo “Fan-nao jiu shi zhi-hui” (Saggezza nell’avversità). La traduttrice inglese, a cui ha fatto riferimento quella italiana, ha scelto un titolo meno “orientale” e più emblematico: “Grass Soup”. Perchè? Semplice: perchè di zuppa d’erba, per alcuni anni, sopravvissero i detenuti. Erba-erba, non insalata.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

E adesso “La volpe amorosa” di Anna Bujatti, quattro novelle cinesi sulla “donna volpe”, ovvero la donna che possiede qualità come agilità, malizia, appetiti insaziabili, natura sfuggente.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

In biblioteca nello scaffale “Per una cultura di PACE” c’è “Non chiamarmi Cina!” di Luigi Ballerini, un libro per gli adolescenti e i giovani adulti.

Toto frequenta il quarto anno del liceo scientifico e ha un sogno segreto che affida solo al quaderno che ha cominciato a scrivere da poco: diventare calciatore professionista. Qualcosa, o meglio qualcuno, però, sta per fargli scoprire cose nuove su se stesso e sul mondo. È Rossana, milanese di etnia cinese. Una ragazza forte, in grado di sostenere responsabilità di cui molte compagne di Toto non hanno la minima idea. Da sempre alle prese con le difficoltà di chi cammina in equilibrio sul confine tra due culture, senza sentirsi bene né solo nell’una, né solo nell’altra, Rossana tira dritto, alla ricerca di una composizione nuova che appartenga solo a lei. L’amore che nasce tra i due adolescenti, raccontato in prima persona da Toto, diventa così un’avventura in cui le loro giovani vite, piene di sogni, contrasti e difficoltà, si incrociano con il cammino faticoso (e ben più grande di loro) a cui la nostra società è chiamata, per diventare un luogo accogliente per tutti.

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

E per finire …

Un libro lungo un mondo” di Graziella Favaro e Mariangela Giusti

Sfogliare questo libro è come guardare il mondo da un aereo. Vediamo la casa di Giuha in Marocco, quella di Xiao Yan in Cina, quella di Momar in Senegal fino ad arrivare nei campi di sosta della famiglia di Brenda, una bambina rom. Questi quattro amici ci raccontano i loro giochi, le loro feste, i loro pensieri e i loro ricordi. Le loro storie sono diverse dalle nostre e altrettanto belle e divertenti. Ci fanno venire voglia di conoscere questi luoghi più da vicino e chissà che un giorno, magari proprio la nostra compagna di banco con gli occhi a mandorla come Xiao Ling o il nostro vicino di casa con la pelle scura come Momar, non ci portino a casa loro per farci vedere da vicino quello che questo libro racconta e anche qualcosa di più. (da 10 anni)

(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

Dunque non mi resta che augurarvi “buon viaggio” e al vostro ritorno vi aspetto in biblioteca!

La Bibliotecaria Rosaria

Profilo dell'Autore

Biblioteca Comunale
Biblioteca Comunale
Centro informativo-divulgativo locale rende prontamente disponibile per i suoi utenti ogni genere di conoscenza ed informazione e svolge un servizio di trasmissione di cultura in tutte le sue forme.Oltre a curare i tradizionali servizi di pubblica lettura, offre servizio di prestito domiciliare e interbibliotecario, anche ai non residenti,che consultano il catalogo attraverso il web (nel 2003 la biblioteca ha aderito al progetto per l’attivazione della banca dati bibliografici provinciale, coordinata con il Servizio Bibliotecario Regionale e Nazionale). L’informazione bibliografica è garantita anche dalla consultazione degli schedari per autore, soggetto e titolo. I servizi della biblioteca sono forniti sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale, anzi favorendo l’integrazione degli africani, ospiti nella comunità.

Dettagli Biblioteca Comunale

Centro informativo-divulgativo locale rende prontamente disponibile per i suoi utenti ogni genere di conoscenza ed informazione e svolge un servizio di trasmissione di cultura in tutte le sue forme.Oltre a curare i tradizionali servizi di pubblica lettura, offre servizio di prestito domiciliare e interbibliotecario, anche ai non residenti,che consultano il catalogo attraverso il web (nel 2003 la biblioteca ha aderito al progetto per l’attivazione della banca dati bibliografici provinciale, coordinata con il Servizio Bibliotecario Regionale e Nazionale). L’informazione bibliografica è garantita anche dalla consultazione degli schedari per autore, soggetto e titolo. I servizi della biblioteca sono forniti sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale, anzi favorendo l’integrazione degli africani, ospiti nella comunità.

Valderice online consiglia

Sto caricando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sto caricando…
Translate »