post-title CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: “Come amare le conchiglie”

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: “Come amare le conchiglie”

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: “Come amare le conchiglie”

CHICCHE LETTERARIE PER GRANDI E PICCINI: “Come amare le conchiglie”

Come amare le conchiglie”

Biblioteca Comunale “Francesco De Stefano”

Al primo piano della Biblioteca di Valderice c’è la “Stanza delle conchiglie”, così chiamata perché ospita due vetrine che contengono una collezione di conchiglie, donata al Comune di Valderice (Donazione Collezione Malacologia con Delibera n.186 del 30/7/2006) da Luigi Bruno.

Nato a Trapani il 27 febbraio 1935, funzionario dell’INADEL prima e dell’ASL poi, Luigi Bruno è stato delegato provinciale della Federazione Italiana Ginnastica Artistica, delegato provinciale della Federazione Italiana di Scherma e Presidente Regionale della Federazione Italiana Twirling. Come Vice Presidente del Comitato CSI di Trapani ha promosso numerose iniziative, ricevendo la massima onorificenza associativa, il “Premio Discobolo d’oro” al merito nel 2019. Per la sua attività nell’ambito sportivo gli sono state assegnate la Stella di bronzo e la Stella d’argento al merito sportivo del CONI. Attualmente è Presidente dell’Associazione “Salviamo la Colombaia”, organizzazione no-profit costituita il 27 gennaio 2003 per la salvaguardia ed il recupero del Castello di mare di Trapani, associazione che negli anni ha realizzato tantissime attività tra cui il Colombaia Day con visite guidate, mostre fotografiche in Italia e all’estero, concorsi di fotografia e di pittura, convegni tematici, con l’emissione di un francobollo con l’immagine della Colombaia, la realizzazione di cartoline commemorative e dei relativi annulli postali figurati. E’ Presidente del Centro Studi e Ricerche del Centro Sportivo Italiano di Trapani.

Studioso e appassionato di conchiglie ha realizzato e curato il Museo Malacologico, che per quasi 20 anni è stato tenuto aperto ad Erice e i cui reperti erano conservati in circa 87 vetrine e chiuso per mancanza di locali idonei. Nel 2013 Luigi Bruno ha organizzato una Mostra Malacologica presso la Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani e la Mostra “Le conchiglie del Mediterraneo” all’interno del Medi Egadi Fest a Marettimo. Nel 2014 ha donato al Comune di Buseto Palizzolo una collezione di conchiglie e 9000 volumi per la biblioteca dello stesso Comune.

La sua passione per le conchiglie, raccolte personalmente soprattutto lungo le nostre coste, l’ha condotto ad accumularne una grande quantità che pazientemente ha classificato e questa collezione purtroppo riempie molti scatoloni custoditi in alcuni magazzini, con la speranza che si possa realizzare un giorno a Trapani un Museo malacologico, come quello realizzato ad Erice, che ha rappresentato un punto di riferimento e polo di attrazione della comunità scientifica, ambientalista, naturalista e sociale nazionale. Questo immenso tesoro fa parte della cultura trapanese e dovrebbe ritornare a rivedere la luce, non essendo soltanto un bene di pochi ma della collettività.

I molluschi che abitano le conchiglie marine sono animali misteriosi che vivono sul fondo del mare, hanno forme diverse, talvolta molto fantasiose e colorate, e i loro resti si ritrovano sulle spiagge in seguito alle mareggiate. Esse hanno avuto un ruolo importante nella vita dell’uomo che a seconda delle situazioni le ha considerate oggetto di ornamento, moneta di scambio, portafortuna, oggetto di magia e molte credenze e leggende sono sorte intorno ad esse (Cammino di Santiago, le leggende dei marinai, la leggenda di Dedalo…). Molte di esse sono state ritrovate in sedimenti fossili risalenti all’epoca preistorica, anche nel nostro territorio.

E’ tutto questo che ha appassionato Luigi Bruno e di questo ha scritto tanto.

Partiamo quindi alla scoperta di un mondo meraviglioso, un viaggio nelle profondità marine e negli anfratti terrestri con i libri che ha scritto, presenti in Biblioteca e donati dallo stesso, un viaggio attraverso la scienza, la curiosità e le leggende:

  • I chitoni: Mostra Malacologica Ericina del 1994 (Strani molluschi marini la cui conchiglia è formata da 8 placche);
  • Cefalopodi: 13esima Mostra Malacologica Ericina del 1995
  • (Polpi, Seppie, Calamari ed altri);
  • Conchiglie ai bordi del mare” del 1996
  • (Le conchiglie raccontate ai ragazzi);
  • I molluschi terrestri del 1999 (Quelli che noi chiamiamo “lumache”, ma che si tratta di “chiocciole”);
  • I vermetidi: 18esima Mostra Malacologica Ericina del 2000 (Molluschi a forma di “tubicini” che restano attaccati alla rocce);
  • La posidonia oceanica” del 2001 (Nella cui “prateria” si svolge gran parte della vita degli animali del mare);
  • Guida al Museo Malacologico” del 2002;
  • Contributo alla conoscenza dei molluschi conchiferi rinvenuti nella spiaggia di Tramontana a Trapani” del 2003.

La figlia Gabriella, laureata in Scienze Naturali, lo ha seguito nella sua passione ed insieme sono autori di molti libri divulgativi in materia:

  • Conoscere i molluschi dell’Arcipelago delle Egadi” del 2004;
  • Le meduse” del 2005;
  • Glossario di termini malacologici e altri …” del 2006;
  • La radula” del 2007 (Sull’apparato radulare, organo masticatorio di alcuni molluschi);
  • La conchiglia come strumento musicale” del 2008;
  • Il calendario malacologico 2010” del 2010;
  • La conchiglia come simbolo” del 2010;
  • La conchiglia fra leggenda, mito e magia” del 2012;
  • La conchiglia nei sogni: mito, divinazione, psicologia” del 2017;
  • Le vongole” del 2019;
  • Le conchiglie tra la natura e le attività dell’uomo” del 2020;
  • Come si nutrono alcuni Gasteropodi dei mari italiani” del 2021 (Sulle modalità di ricerca del cibo e di tutto il necessario per la sopravvivenza delle varie specie di Gasteropodi).

E non bisogna dimenticare le pubblicazioni che Luigi Bruno, come autore e/o curatore, ha dedicato alla Colombaia, che si auspica venga presto restaurata con il soldi del Recovery Fund:

  • La Colombaia: una storia bimillenaria, immagini e cartografia” con Alberto Costantino del 1996;
  • La Colombaia: ieri, oggi … domani” del 2005;
  • La Colombaia: immagini” del 2006;
  • I luoghi della Colombaia: una guida … oltre quello che vedi …” del 2008;
  • La Colombaia: un patrimonio culturale da recuperare e valorizzare” del 2008;
  • Il Castello di mare di Trapani: la Colombaia” con Alberto Costantino del 2014;
  • E diverse edizioni de “Il calendario della Colombaia”.

E per finire ricordiamo il libro “Francesco Paolo Bruno: sulle ali di un sogno”, il sogno americano del fratello pubblicato nel 1997 e “Ettore Daidone e il suo amore per lo sport”, scritto con Filippo Occhipinti su Ettore Daidone, ex Presidente del Centro Sportivo Italiano di Trapani, pubblicato nel 2016.

Trovate tutti i volumi su citati in biblioteca! Vi aspettiamo!
(Clicca qui per approfondire e verificare disponibilità)

La Bibliotecaria Rosaria

con Luigi Bruno

Profilo dell'Autore

Biblioteca Comunale
Biblioteca Comunale
Centro informativo-divulgativo locale rende prontamente disponibile per i suoi utenti ogni genere di conoscenza ed informazione e svolge un servizio di trasmissione di cultura in tutte le sue forme.Oltre a curare i tradizionali servizi di pubblica lettura, offre servizio di prestito domiciliare e interbibliotecario, anche ai non residenti,che consultano il catalogo attraverso il web (nel 2003 la biblioteca ha aderito al progetto per l’attivazione della banca dati bibliografici provinciale, coordinata con il Servizio Bibliotecario Regionale e Nazionale). L’informazione bibliografica è garantita anche dalla consultazione degli schedari per autore, soggetto e titolo. I servizi della biblioteca sono forniti sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale, anzi favorendo l’integrazione degli africani, ospiti nella comunità.

About Biblioteca Comunale

Centro informativo-divulgativo locale rende prontamente disponibile per i suoi utenti ogni genere di conoscenza ed informazione e svolge un servizio di trasmissione di cultura in tutte le sue forme.Oltre a curare i tradizionali servizi di pubblica lettura, offre servizio di prestito domiciliare e interbibliotecario, anche ai non residenti,che consultano il catalogo attraverso il web (nel 2003 la biblioteca ha aderito al progetto per l’attivazione della banca dati bibliografici provinciale, coordinata con il Servizio Bibliotecario Regionale e Nazionale). L’informazione bibliografica è garantita anche dalla consultazione degli schedari per autore, soggetto e titolo. I servizi della biblioteca sono forniti sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale, anzi favorendo l’integrazione degli africani, ospiti nella comunità.

Valderice online consiglia

Loading…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…
Translate »